Abbiamo a la tua privacy.
In relazione all'informativa fornitami esprimo il mio consenso all'invio via e-mail della newsletter periodica relativa all'attività istituzionale, congressuale e commerciale di Fieracavalli.

Jumping Verona 2017

I vincitori della FEI World Cup™ in Italia

I profili

2016: Abdel Said

2016_Abdel_Said_X1I7522.jpgEgiziano nato nel 1989, ma stabilmente in Belgio dal 2000, Abdel Said è al momento l’unico cavaliere non europeo ad aver vinto il gran premio di coppa del mondo a Verona. La grande passione per l’equitazione, ha iniziato infatti a montare a cavallo a tre anni, ha indirizzato la sua vita tanto da convincere la sua famiglia, dopo una vacanza-training in Olanda, a trasferirsi un Europa quando aveva 11 anni. Visto il suo talento, a 14 anni è entrato a far parte del Team Harmony, la scuderia della Princessa Haya di Giordania. Dopo anni di gavetta, ha iniziato a girare per concorsi facendo tutto da solo, senza groom, nel 2010 è riuscito a concretizzare il progetto di una scuderia tutta sua. Nel 2014 ha partecipato ai WEG di Caen e in carriera ha vinto le medaglie a squadre di bronzo e d’argento ai giochi panarabi 2007 e 2011. È sposato con la belga Sanny Leenknecht.    

Vai alla sua biografia completa

 

 

2015: Simon Delestre

2015_Simon_Delestre_SGA3237.jpgFrancese, classe 1981, Simon Delestre ha iniziato a montare a cinque anni nella scuderia del padre Marcel, valente cavaliere e poi per decenni responsabile delle squadre nazionali giovanili transalpine. Anche sua madre è stata un’ottima amazzone ed istruttrice di equitazione, per un contesto familiare, quindi, che ha decisamente contribuito alla sua formazione di cavaliere vincente. Delestre ha vinto i suoi primi campionati nazionali Pony nel 1994 e nel 1995, laureandosi poi campione juniores di Francia nel 1999. Dopo due partecipazioni ai campionati europei juniores con un bronzo a squadre a Münchwilen nel 1999,  nel 2000 ha conquistato la medaglia d’oro a squadre in quelli young riders di Hartpury. Da senior invece, ha vinto il bronzo continentale nell’edizione 2016 dei campionati disputati Aquisgrana con Hermes Ryan. Ha preso parte a quattro finali di coppa del mondo, ad una olimpiade (Londra 2012) ed ai WEG 2014 di Caen, in Normandia, dove ha vinto la medaglia d’argento a squadre con Qlassic Bois Margot. Per tutta la prima parte del 2016 è stato il numero uno del ranking mondiale. Sposato con Magali ha due figli.

Vai alla sua biografia completa

 

 

2014: Bertram Allen

2014_Bertram Allen.jpgNato nel 1995, l’irlandese Bertram ha smesso presto i panni di ‘enfant prodige’ per vestire quelli di uno dei più talentuosi cavalieri del mondo. Nonostante la giovane età ha infatti già partecipato ai Campionati Mondiali di Caen nel 2014 (era il più giovane concorrente iscritto e ha chiuso in settima posizione) e a una finale di Coppa del Mondo, quella di Las Vegas nel 2015, dove si è classificato terzo con Molly Malone V. Ha preso parte a tre campionati europei giovanili conquistando il titolo in quelli di Bishop Burton 2010, oltre che la medaglia d’argento a squadre. Ha poi vinto l’oro a squadre in quelli di Ebreichsdorf 2012 e, nel 2013, l’argento individuale in quelli di Vejer de la Frontera. Da senior ha invece partecipato agli Europei di Aquisgrana 2014. Viene da una famiglia dove i cavalli sono stati da sempre una passione comune. Ha iniziato a montare a cavallo a otto anni in sella ai pony e da quando ne ha 16 anni vive in Germania. Con i suoi 19 anni, nel 2015 è stato il più giovane cavaliere ad aver vinto il gran premio di coppa del mondo a Verona!

Vai alla sua biografia completa

 

 

2013: Christian Ahlmann

2013_Christian_Ahlmann_47Y9166.jpgIl salto ostacoli era, ed è, la specialità di casa Ahlmann. A 11 anni anche Christian ha iniziato a montare a cavallo come già facevano suo padre George, suo fratello Dirk e molti dei suoi coetanei e l’anno successivo vinse la sua prima gara. Classe 1974, il cavaliere tedesco ha iniziato così la sua carriera che l’ha portato ad essere per lunghi periodi il ‘numero uno’ del ranking mondiale di salto ostacoli. Il suo debutto internazionale risale al 1990, non ancora 16enne, in occasione del campionato europeo juniores di Berlino dove vinse subito la medaglia di bronzo individuale. Quattro le medaglie vinte poi da young riders, due ori e un bronzo a squadre (Spangenberg 1993, Millstreet 1994 e Babenhausen 1995) e un argento individuale a Millstreet 1994. Doppio oro, individuale e a squadre, ai campionati europei 2002 di Donaueschingen, ha fatto parte delle squadre tedesche vincitrici dell’argento negli appuntamenti continentali di Mannheim 2007, Herning 2013 e Aquisgrana 2016. Due le medaglie di bronzo olimpiche a squadre vinte (su quattro partecipazioni) ad Atene 2004 e Rio de Janeiro 2016; una, invece, quella conquistata ai WEG di Aquisgrana 2006 con il team tedesco. Con Taloubet Z nel 2011 ha anche vinto la finale di coppa dl mondo di Lipsia. Ahlmann è sposato con la belga Judy-Ann Melchior, anch’essa amazzone di livello internazionale e alla guida, dopo la scomparsa del padre Leon, del famoso allevamento di Zangersheide. Insieme hanno un figlio. 

Vai alla sua biografia completa

 

 

2012: Sergio Alvarez Moya

2012_SERGIO_ALVAREZ_MOYA.jpgSpagnolo classe 1985, Sergio Alvarez Moya a 7 anni ha iniziato a montare a cavallo insieme ai suoi fratelli, incoraggiato dallo zio. Da junior, nel 2001 ha vinto il titolo europeo a Gijon, continuando poi a collezionare importanti risultati. Dal 2003 al 2009 si è trasferito in Belgio per poi rientrare in Spagna dove ha acquistato una scuderia nei pressi di Madrid. Ha partecipato alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, a tre campionati del mondo (Aquisgrana 2006, Lexington 2010 e Caen 2014); a quattro finali di coppa del mondo (migliori risultati: 4° individuale con Carlo a Goteborg nel 2013; 5° classificato con Arrayan a Omaha 2017); e a cinque campionati europei da senior, oltre a quello giovanile (miglior risultato ottenuto: 6° individuale ad Aquisgrana nel 2015 con Carlo). Anche suo fratello Julio è un cavaliere di livello internazionale. Ha un figlio.

Vai alla sua biografia completa

 

 

2010: Jeroem Dubbeldam

2010_JEROEN_DUBBELDAM.jpgPortabandiera per  gli ‘Orange’ alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016, Jeroem Dubbeldam, con il titolo di campione olimpico vinto a Sydney nel 2000 e le doppie medaglie d’oro (individuale e a squadre) vinte ai WEG di Caen 2014 e ai campionati europei di Aquisgrana 2015, fa parte di diritto della storia dell’equitazione. Nato nel 1973, Dubbeldam è stato ‘spinto’ a montare a cavallo dal padre (lui preferiva il calcio…) e sempre il padre lo ha supportato assicurandosi che montasse sempre buoni cavalli in modo che non decidesse di smettere. Uno di questi, De Sijem lo ha portato alla vittoria dell’oro ai Giochi di Sydney 2000. Nel 2014, a Caen, è diventato il primo cavaliere olandese a vincere una medaglia d’oro individuale in un campionato del mondo di salto ostacoli e, dopo la vittoria agli europei di Aquisgrana 2015 con SFN Zenith, il solo secondo al mondo capace di vincere in tutte e tre i più importanti appuntamenti equestri. Nel suo palmares ci sono anche l’oro a squadre vinto ai WEG di Aquisgrana 2016, l’oro a squadre vinto agli Europei di Mannheim 2007, il bronzo individuale in quelli di San Patrignano 2005, il bronzo a squadre in quelli di Hickstead nel 1999, il terzo posto nella finale di coppa del mondo di Lipsia 2011 e, da young riders, il titolo Europeo individuale il bronzo a squadre conquistati nel 1994 a Killarney. Anche sua moglie Annelies Vorsselmans è stata un’amazzone di livello internazionale. Hanno tre figli, due maschi e una femmina.

Vai alla sua biografia completa

 

 

2009: Michael Whitaker

2009_Michael_Whitaker.jpgÈ uno dei miti dell’equitazione. Britannico classe 1960, Michael Whitaker è nato in una famiglia di agricoltori. Sua madre era un’appassionata amazzone, e Michael seguì le orme del fratello maggiore John che aveva già iniziato a gareggiare. Michael Whitaker ha affrontato le prime gare a sette anni, in sella al pony che lui e suo fratello usavano per consegnare il latte. Il debutto internazionale risale invece al 1976 e da allora è stato tutt’un susseguirsi di vittorie. A 20 anni la più prestigiosa tra le prime. Si tratta del Derby di Hickstead del 1980 del quale è tutto’ora il vincitore più giovane. Il suo palmares è inarrivabile. Cinque olimpiadi: Los Angeles 1984 (argento a squadre in sella a Overton Amanda), Barcellona 1992, Atlanta 1996, Sydney 2000, Rio de Janeiro 2016. Sei campionati mondiali: Aquisgrana 1986 (argento a squadre con Warren Point), Stoccolma 1990 (bronzo a squadre con Mon Santa), L'Aia 1994, Aquisgrana 2016, Lexington 2010 e Caen 2014. Ventidue finali di Coppa del Mondo (migliori risultati: terzo posto a Goteborg nel 2001 e secondo con Portofino a Las Vegas nel 2005). Quattordici campionati europei con 11 medaglie: 4 d’oro (tutte a squadre), 5 d’argento (2 individuali e 3 a squadre) e 1 di bronzo (a squadre). Sposato, tutti e tre i suoi figli, Jack, Molly e Katie Jane, montano e gareggiano nel salto ostacoli.

Vai alla sua biografia completa

 

 

2008: Alois Pollmann-Schweckhorst

2008_POLLMANN_SCHWECKORST_2293.jpgNato in Germania nel 1964, Alois Pollmann-Schweckhorst è cresciuto tra i cavalli. Suo padre Aloys è stato infatti un cavaliere di buon livello, ed è stato lui a metterlo in sella da giovanissimo insieme al fratello Elmar.

Entrambi hanno raggiunto importanti livelli nel salto ostacoli: Alois nello sport ed Elmar nel training dei cavalli e dei giovani cavalieri. Nel 1985 ha vinto con la squadra nazionale young riders la medaglia di bronzo ai campionati europei di Fulda, entrando da allora a far parte delle rappresentative tedesche. In carriera ha montato per le scuderie di due grandissimi uomini di cavalli come Hans Günter Winkler e Paul Schockemoehle, vincendo, oltre a varie coppe delle nazioni, molti gran premi tra cui quelli di Washington e New York. Nel 2004 in Germania ha vinto il titolo di ‘Champion of professional riders’ conquistando poi l’argento ed il bronzo nei campionati nazionali tedeschi 2008 e 2010.

Vai alla sua biografia completa 

 

 

2007 e 2005: Albert Zoer

2005_2007_Zoer.jpgCon le due vittorie (2005 e 2007) in sella al mitico Okidoki, Albert Zoer detiene un record fin’ora ineguagliato a Verona. Olandese classe 1975, proviene da una famiglia da sempre coinvolta nel mondo dei cavalli. Anche Jenny, oltre a Gina sua sorella maggiore, ha infatti gareggiato ad alto livello nel salto ostacoli. Albert Zoer ha iniziato a montare a sette anni e a quattordici ha fatto parte della squadra olandese medaglia d’oro ai campionati europei Pony 1989 mentre nel 1993 ha vinto il bronzo a squadre agli Europei Juniores. Ha anche vinto la medaglia d’oro a squadre ai campionati europei di Mannheim 2007 e quella di bronzo individuale in quelli di Windsor 2009. Sempre in sella ad Okidoki ha infine vinto l’oro a squadre ai WEG di Aquisgrana 2006. Terzo classificato nella finale di coppa del mondo 2009 a Las Vegas,  Albert Zoer ha vinto il Global Champions Tour 2007.    

Vai alla sua biografia completa

 

 

2006: Gerco Schröder

2006_Schroder_O9L0483.jpgOlandese del 1978, Gerco Schröder ha iniziato a montare il pony di famiglia a 7 anni convinto dai suoi fratelli gemelli Wim e Ben. I tre fecero un patto: Gerco avrebbe montato almeno fino al campionato del maneggio locale. Ma vinse una coccarda e da quel momento non riuscì più a smettere. Non male come inizio visto che poi è stato nominato dalla Federazione Equestre olandese ‘cavaliere dell’anno’ nel 2005, 2006, 2012 e 2013. Il palmares è infatti prestigioso. Ha partecipato a tre olimpiadi: Atene 2004, Pechino 2008 e Londra 2012 dove con London h vinto una doppia medaglia d’argento (individuale e a squadre). Ha gareggiato anche in due campionati mondiali: Aquisgrana 2006 (oro a squadre con Berlin) e Caen 2014 con (oro a squadre con London). Sette, invece, i campionati europei al suo attivo con quattro medaglie (oro a squadre a Predazzo 1996, argento a squadre a Moorsele 1997 e oro individuale e a squadre a Munchwilen 1999) vinte a titolo giovanile, e gli ori a squadre vinti invece a Mannheim 2007 ed Aquisgrana 2015. È sposato e ha due figli.

Vai alla sua biografia completa

 

 

2004: Toni Hassmann

2004_Hassmann.jpgSposato con una figlia, Toni Hassmann è nato in Germania nel 1975. È stato uno degli ‘enfant prodige’ tedeschi. Medaglia d'argento individuale dei campionati europei Juniores nel 1993, da young riders ha conquistato il titolo continentale e il bronzo a squadre ai campionati europei del 1995 oltre al bronzo a squadre vinto nel 1996. Molte le prestigiose vittorie in Gran Premio nel suo curriculum, come quella ottenuta nel 2009 nel CSI5*Challenge Vincenzo Muccioli di San Patrignano con Lolita H. Ma spiccano soprattutto le tre vittorie consecutive centrate nel Derby di Amburgo (2004, 2005 e 2006) con Collin unico cavaliere ad essere stato capace di tanto in questa prestigiosa competizione insieme brasiliano Nelson Pessoa (1992, 1993, 1994 con Vivaldi). Anche suo fratello minore Felix è un cavaliere di livello internazionale.    

Vai alla sua biografia completa

 

 

2003: Lars Nieberg

2003_Lars_Nieberg.jpgTedesco nato nel 1963, Lars Nieberg è stato a lungo uno dei punti di riferimento della prima squadra della Germania. In particolare con due cavalli, Esprit FRH e lo stallone For Pleasure insieme ai quali ha vinto l’oro e il bronzo a squadre ai campionati europei di Mannheim nel 1997 e di Arnhem nel 2001, l’oro a squadre ai campionati mondiali di Roma 1998 e due medaglie d’oro a squadre alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996 e di Sydney nel 2000. Ha cominciato a montare a cavallo a dieci anni e, oltre che essere proseguire nella carriera di cavaliere sia di massimo livello che con i cavalli giovani, è anche allevatore e coach. In particolare segue la crescita tecnica dei due suoi figli Gerrit e Max.    

Vai alla sua biografia completa

 

 

2002: Rodrigo Pessoa

2002_Rodrigo_Pessoa.jpgFiglio d’arte, suo padre è il grande Nelson ‘Neco’, il brasiliano Rodrigo Pessoa è nato nel 1972 crescendo tra scuderie e campi gara. Predestinato, la sua strepitosa carriera è iniziata a 12 anni. Nel 1992 a Barcellona ha affrontato la prima delle sue sei olimpiadi dove, negli sport equestri, è stato il più giovane dei partecipanti. Ai Giochi di Atlanta 1996 e Sydney 2000 ha vinto entrambe le volte il bronzo a squadre mentre a quelli di Atene 2004 si è aggiudicato l'oro individuale. Nel 1998, a Roma, si è laureato campione del mondo mentre, con Baloubet du Rouet, ha vinto dal 1998 al 2000 per tre anni consecutivi la finale di Coppa del Mondo, primo cavaliere a riuscirci con lo stesso cavallo. Dal 2017 è coach dell'Irlanda. È sposato con l’amazzone statunitense Alexa Weeks e ha tre figlie.   

Vai alla sua biografia completa

 

 

2001: Stanny Van Paesschen

2001_Stanny_Van_Paesschen.jpgClasse 1957, il cavaliere belga è una delle colonne dell’equitazione internazionale. Innumerevoli le Coppe delle Nazioni nelle quali ha gareggiato e le vittorie ottenute in oltre trent’anni di carriera. Ha partecipato a tre Olimpiadi -vincendo Montreal la medaglia di bronzo a squadre - e a quattro edizioni dei campionati del mondo conquistando a Jerez de la Frontera la medaglia di bronzo a squadre. Ha anche ha ricoperto il ruolo di tecnico per la federazione belga. Attualmente è coach dell'Arabia Saudita che ha portato ad importanti risultati: su tutti la medaglia di bronzo a squadre alle Olimpiadi di Londra 2012. Quanto allo sport praticato, ha lasciato il timone al figlio più giovane Constant, diventato in breve una delle vedette del jumping internazionale.

Vai alla sua biografia completa

 

 

 

 

 

previous

ACCREDITI STAMPA

next

L'ALBO D'ORO DELLA FEI WORLD CUP™ IN ITALIA

 

Articoli correlati

 
FEI
Longines
FEI TV
classhorse
BMW
Porrini
KASK